Manifestamente Valentino Parlato

Postato in Notizie del Comitato.

Con commozione e tristezza abbiamo appreso che Valentino Parlato ci ha lasciato. La sua è stata una lunga vita, spesa interamente nel campo della sinistra, nelle grandi battaglie politiche e civili, giornalistiche e culturali. Assieme a Rossana Rossanda, Luigi Pintor, Luciana Castellina, Aldo Natoli, Lucio Magri, Eliseo Milani, diede vita prima al mensile e poi al quotidiano il manifesto, di cui fu direttore e animatore instancabile. Uomo di vasta cultura, ha rappresentato un punto di eccellenza nella storia del giornalismo italiano. Ha dialogato con tutte le più grandi figure in campo politico, culturale ed economico per decenni. Anche chi non condivideva le sue idee, alle quali non ha mai rinunciato, sapeva di trovare in lui un interlocutore intelligente, competente e aperto. Persona di straordinaria umanità sapeva animare ogni discussione con una vena di profonda ironia che gli proveniva da una profonda passione politica e interesse per l’altro da sé. Ci stringiamo attorno alla sua famiglia e a tutta la redazione de il manifesto. L’Arci non lo dimenticherà. La sua capacità di comprendere il mondo, di trasmetterci le sue convinzioni in modo semplice e chiaro, la sua curiosità intellettuale, il suo sguardo, il suo sorriso saranno sempre con noi.

ARCI nazionale

Gramsci

Postato in Notizie del Comitato.

Il 27 aprile ricorrono gli 80 anni dalla morte di Antonio Gramsci.

Politico, fondatore e segretario del Partito Comunista Italiano, giornalista, filosofo, intellettuale antifascista: da sempre una figura di riferimento per noi dell’Arci, che abbiamo voluto ricordarlo con questa illustrazione di Gianluca Costantini.

Appello 25 Aprile

Postato in Notizie del Comitato.

VERONA: 25 aprile 1945 – 2017

 Appello. Partecipiamo tutti/e alla manifestazione ufficiale con corteo che inizierà in Piazza Bra alle ore 10,00.

 

Festeggiamo il 72° anniversario della Liberazione dal fascismo e dal nazismo e della fine della Seconda Guerra Mondiale. Mentre ricordiamo i cruenti sacrifici di chi si è opposto alla dittatura,

celebriamo con riconoscenza il valore della Resistenza e dei suoi ideali di Verità e di Giustizia. Non possiamo però nascondere che troppo spesso la storia della Resistenza è taciuta, deformata o sminuita.

La memoria è un patrimonio prezioso da preservare trasmettendo, soprattutto ai giovani, i valori di Pace e fratellanza e la straordinaria attualità dei principi democratici sanciti nella Costituzione.

Oggi, invece, l'elenco di guerre, conflitti, attentati, violenze, è ogni giorno più lungo: Siria, Libia, Yemen, Turchia, Afghanistan, Iraq, Pakistan, Indonesia, Somalia, Nigeria, Repubblica democratica del Congo, Corea del Nord, e poi nel cuore dell'Europa e nel fondo del Mediterraneo. Una tragica catena di guerra, che è terrorismo, e di terrorismo, che è guerra, che deve essere spezzata.

Mancano accoglienza, integrazione e diritti per chi, per i più diversi motivi, fugge alla ricerca di una vita possibile e entra invece in un ingranaggio che produce lavoro nero, sfruttamento e quindi criminalità; è impedita loro una partecipazione attiva alla vita democratica; ancora vediamo deportati con i rimpatri coloro che le leggi rendono ‘clandestini’, in una china pericolosa fino all’ingresso nell’ordinamento italiano di un diritto ridotto per chi chiede asilo, un diritto etnico che richiama i tempi minacciosi di 80 anni fa.

Le associazioni e i movimenti firmatari - ognuno con la propria storia, con i propri ideali, le proprie convinzioni, le proprie pratiche - riuniti dai valori della Resistenza: pace, libertà di pensiero, uguaglianza, rispetto reciproco, solidarietà, giustizia, democrazia rivolgono un appello ai cittadini e alle cittadine e ai nuovi veronesi perché partecipino alla Manifestazione ufficiale e corteo che inizierà alle ore 10,00 in Piazza Bra per ricordare le persecuzioni razziali, religiose, sociali, culturali e politiche per rendere consapevoli del valore della democrazia per diventare argine contro la nuova barbarie oggi in Italia, in Europa e nel mondo.

Vogliamo impegnarci per i diritti, la libertà, la pace di tutte e tutti, proprio come fecero coloro che si opposero al nazi-fascismo per consegnarci un'Italia democratica.

Continuiamo, ora e sempre, a seguire l’esempio della Resistenza.

“L’impegno comune ha liberato il mondo dalla prepotenza hitleriana e la Libertà conseguita è un bene comune di tutti i popoli che va vissuta nel rispetto reciproco, nella collaborazione per un mondo nuovo, libero, giusto per tutti”

(dal giuramento di Mauthausen)

ANED (Ass. Naz.le ex Deportati nei Campi nazisti), ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), ARCI,

CGIL CISL UIL, Movimento Nonviolento, CESTIM (Centro Studi Immigrazioni), IVrR Istituto V.se Storia della

Resistenza e età contemporanea, Rete degli Studenti Medi, Unione Degli Universitari, Veronetta 129, UARR, MAG Soc. Mutua Autogestione, Ass.ne GAP Gruppo Acquisto Popolare, Emergency Gruppo di Verona, Emmaus Villafranca, Avvocato di Strada.

Le manifestazioni a Verona

Ore 12,30 Cortile ex Caserma S. Marta: La festa c’è - ANPI e Istituto Veronese per la storia della Resistenza

e dell’età contemporanea

Ore 16,00 P.zza Santa Toscana: L’unica legittima difesa è quella partigiana. Libera. Resistente