Forza vecchia

Postato in Notizie del Comitato.

Inaccettabile azione squadristica di Forza Nuova contro Repubblica e l’Espresso

La solidarietà dell’Arci ai direttori e alle redazioni delle due testate

 

Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci

Un manipolo di attivisti di Forza Nuova, a volto coperto e nel consueto stile squadristico, ha compiuto nel pomeriggio un blitz davanti alla redazione romana di Repubblica e l’Espresso.

Fumogeni, striscioni che invitano a boicottare le due testate, e un proclama delirante in cui si afferma che “questo è solo il primo attacco a chi diffonde il verbo immigrazionista, serve gli interessi di Ong, coop e mafie varie.   Da oggi inizia il boicottaggio sistematico e militante contro chi diffonde la sostituzione etnica e l'invasione. Oggi è iniziata la difesa dei patrioti contro il veleno di questi terroristi mascherati da giornalisti”.

Un attacco inaccettabile alla libertà di informazione in puro stile fascista. Un atto che non va assolutamente sottovalutato, perché rappresenta l’ulteriore escalation di una serie di provocazioni e intimidazioni che hanno per protagonisti formazioni che si richiamano apertamente al fascismo e al nazismo.

Ai direttori e alle redazioni di Repubblica e l’Espresso va tutta la nostra solidarietà. Siamo certi che non saranno simili azioni a fermare il loro lavoro, caratterizzato dall’impegno a fornire un’informazione la più completa e corretta possibile.  

Roma, 6 dicembre 2017

Ding-Dong! Firma la petizione

Postato in Notizie del Comitato.

DING DONG!
L’ARCI chiede al Governo, ai Deputati e ai Senatori, di prevedere nella legge di stabilità misure di sostegno all’accesso alla pratica musicale.
La musica rappresenta un elemento insostituibile nella formazione del cittadino, efficace nel contrasto a molti dei motivi del disagio sociale è capace di favorire momenti di coesione.

Per questo crediamo che sia dovere dello Stato promuovere ogni azione per ampliare l’accesso alla formazione musicale al più ampio numero di persone.
Firma anche tu la petizione su change.org: